Mardi 23 mai 2017

Actualités
Nouveautés
Cyrano raconte Savinien
Roxane et les autres
Le siècle de Cyrano
Rostand raconte Cyrano
Coquelin, le 1er Cyrano
Edmond Rostand 2018
Sur scènes et sur écrans
Cyrano en 1001 images
Promenades imaginaires
Les films de cape et d'épée
Vos contributions
Les traductions
La bibliographie
La CD et vidéothèque
La boutique de Ragueneau
Musée Cyrano(s) de Bergerac
Quiz
La lettre de Cyrano
Recevez toute l'actualité de Cyrano par e-mail : spectacles, éditions, nouveautés, découvertes ...
Abonnez-vous gratuitement !



Sur scènes et sur écrans

2005 - Corrado d'Elia

Teatro Stabile di Bolzano

La compagnie "Teatri Possibili" déjà rencontrée en 1998, une abonnée à Cyrano !


?La storia di Cirano è vera, è davvero esistito uno scrittore spadaccino di questo nome che ha scritto un'affascinante libro di fantascienza ante litteram. Ma il Cirano che conosciamo noi, il prototipo dell'innamorato, è stato inventato cent'anni fa da Edmond Rostand e poi mille volte riscritto da capocomici desiderosi di un cavallo di battaglia di sicuro successo. Il regista Corrado d Elia con il suo gruppo di giovani attori dei Teatri Possibili, ne fa un ritratto generazionale, con momenti di intensa fisicità. Cirano è sempre lui, il ?romantico' corteggiatore per interposta persona, il nasone attaccabrighe, l'innamorato assoluto, insomma, un mito al di là di ogni interpretazione?

Ugo Volli ? la Repubblica



?Sì, il Cirano con testi poetici è diventato Cirano in prosa e diverte per questo suo modo di essere forse molto più vicino alle nostre generazioni con i sentimenti meno astratti e con le delusioni meno apparenti. Una figura umana concreta, quindi, riconoscibile nel nostro tempo con le sue gioie e i suoi dolori e soprattutto con le sue libertà; una libertà rappresentata magnificamente dal suo naso, perché l'eroe Cirano muore in uno stupido e crudele incidente ma il suo naso vive, a significare l'anticonformismo, il distacco dalla politica e dalle ideologie di regime. Il naso vive in piena libertà e distacco dal potere. Sarà questa suggestiva rivisitazione teatrale che ha dato successo al Cirano: ma è anche merito di Corrado d'Elia, giovane attore che di questo spettacolo è il tutto? Giuseppe Tropea ? Il Giornale



?La scena finale, quando gli undici attori indossano come lui un lungo naso posticcio, sembra essere un invito a scoprire lo spirito aperto di Cirano che alberga in noi, il suo amore per lo sberleffo, il suo candore, la sua generosità, il suo coraggio sdegnoso. Per percorrere questa strada d'Elia ha compiuto sostanziosi tagli, ha eliminato i costumi d'epoca, ha cercato una recitazione priva d'enfasi, ha cancellato quasi del tutto il verso e ha impresso all'azione un ritmo sostenuto. Una regia interessante che riesce senza retorica a raccontare questa storia un po' polverosa?.

Magda Poli ? Corriere della Sera





Page précédente Page suivante


ITALIE


  Galerie






  Lien(s)

»  Teatro Stabile di Bolzano


Publié le 12 / 11 / 2005.


  Outils

  Imprimer       Envoyer


  Retour


  Publicité



© 2005-2017 Atelier Thomas Sertillanges  |  A propos du copyright  |  Liens  |  Contact

Ce site est en constante évolution, au fur et á mesure de mes découvertes, ou des vôtres.
Toute information ou contribution nouvelle sera la bienvenue. Merci d'avance.